“In ogni parte del mio corazon…” COCO – Contiene Spoiler

Ecco… magari non leggete se non avete visto il cartone Disney PIXAR.

 

Riaffacciarsi su WordPress, nel mio piccolo e umile Blog un po’ impolverato e con qualche ragnatela qua e là , per parlare di un tema poi neanche troppo attuale. Si, è da me!

E’ vero però che ci stiamo avvicinando a il “Dia de muertos”, quindi qualche connessione c’è dai!

Il “cartone” Disney PIXAR è uscito in Italia a Natale 2017, ma io l’ho scoperto solo pochi mesi fa in Premiere gratuita per i Clienti Sky da più di 3 anni.

Neanche a dirlo mi si è sciolto il cuore e sul finale non trattenevo più i singhiozzi. Sono empatica ed emotiva. Mi ero già emozionata nel momento in cui (SPOILER) Héctor canta all’amico Chicharròn la sua canzone preferita e lo vede svanire definitivamente dal Mondo dei Morti perché, come spiegherà al piccolo Miguel, dimenticato sulla Terra dei Viventi.

 – Questo è uno degli argomenti più forti mai trattato in un film d’animazione –

Un’adulto può cogliere il senso profondo. Mi ha avvolto lo sconforto e quella paura intrinseca (forse presente in tutti noi) di essere dimenticati. Perché facciamocene una ragione, non siamo Vip di qualche Settore, magari alcuni di noi hanno Blog super seguiti e un lascito più duraturo, ma parlando di “Affetti” (quelli veri), prima o poi si arriverà ad un punto che sarà come non fossimo mai esistiti.

Le nostre gesta, le nostre passioni, le nostre gioie e le sofferenze… cosa ne resterà? E chi ci ricorderà per un pò, cosa ricorderà veramente di noi? Quanto sarà nostro o semplicemente una “SUA” percezione e/o idea?

Non voglio intristire o mettere ansia, ma sarebbe interessante per me esplorare questo concetto con qualcuno (e dei miei amici/amiche nessuno lo ha visto credo).

Quello che mi ha colpito di questo Film (non oso più chiamarlo Cartone) è la straziante verità che si muore due volte. Ricorda perfettamente la frase “Nessuno muore finché vive nel cuore di chi resta!”. Mentre scrivevo e mi documentavo, ho letto per puro caso alcune discussioni su questo versetto e quello che era riportato nei commenti, smentisce in parte la mia convinzione, scritta poco fa, che quasi tutti temiamo di esser dimenticati. Pareri duri di chi disincantato odia letteralmente questa frase, chi ha subìto troppe perdite ed è ferito da ciò, chi è contro la visione eccessivamente speranzosa che ci vuole sempre aggrappati a questo mondo “chi è morto è morto” … Sono rimasta abbastanza stranita durante la lettura.

Forse ho una visione troppo romantica, ma penso che come ci sono gli “estremisti?”, “realisti?”, “pessimisti?”, esistono anche persone che come me sentono la presenza di chi ci ha lasciato.

In Coco viene riportata perfettamente questa toccante celebrazione, voglio sottolineare gioiosa, del Dia de muertos in Messico. Il Film è coloratissimo, VIVO più che mai e alla fine, ad alcuni spettatori, colpisce duro allo stomaco, nonostante (SPOILER) venga a mancare il personaggio cardine della storia, il finale è dolcissimo.

Coco la vera protagonista della storia, dice poche parole a Miguel riguardo il padre musicista, mentre gli mostra il diario dove ha raccolto tutte le poesie ricevute e la foto di lui gelosamente custodita (io già in lacrime…). Poi te la ritrovi nel Mondo dei Morti felice e coccolata dal padre Héctor che la riempie di baci, come fai a non aver urgente bisogno di un camion di fazzoletti? Quanta dolcezza e tenerezza c’è in una sola scena?

 

 

La paura di essere dimenticata presto c’è… se poi non hai famiglia, figli… puoi sperare un po’ nel ricordo dei nipoti (per chi li ha)… MA perché ci dobbiamo angustiare e magari pure intristirci per una cosa che, SE SIAMO MORTI, non dovrebbe farci più nessuna differenza? Come possiamo pensare che, oltre a soffrire in vita (perché tutti prima o poi, o più volte, soffriamo seriamente), dobbiamo soffrire anche postumi per non essere, presto o tardi, considerati più? La Religione incide eccome, in ogni cultura, per i messicani, i cattolici, i musulmani, gli atei (ovviamente influisce anche per chi non ce l’ha)… C’è chi crede alla Vita dopo la Morte… ed è questo che ci porta a pensare: “se la mia anima resterà in vita, quanto può essere brutto non esistere per chi sta in Terra?”… oh oh oh e ultima domanda: “ma se alla fine verremo raggiunti da chi ci pensava in Terra e potremmo riunirci a loro… come può interessarci se saremo spariti dagli annali dei nostri pro-pro-pro nipoti/parenti?”.

 

Insomma lo so, ho aperto un vaso di Pandora, per restare in tema, non uccidetemi! Ahah.

Chi mi conosce personalmente sa che tendo ad aprire mille parentesi!

Tutto per dire: visto che si sta avvicinando El dia de muertos come lo celebrerete?

Ammetto che son rimasta totalmente affascinata dalla Tradizione Messicana!

 

“… Avremo un legame
che vive per sempre
in ogni parte del mio corazon…”

 

TITOLO DEL BOX

Français | English | Español | Deutsch

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...