…Che è Venerdì…

Se ti entra in testa qualcosa sei una persona FINITA. Le tue attività cerebrali si bloccano, non c’è verso di riprendersi e possono passare anche intere mezz’ore, o peggio. Bella o brutta che sia, la musica quando diventa fissazione è difficilissima da togliere dalla mente! E’ quello che capita con alcune canzoni e motivetti. Posso anche non sentirle per giorni, addirittura decenni, ma quella volta che ho memorizzato il testo e la melodia, il mio cervello rimanda random ciò che vuole, senza che io me l’aspetti.

Oggi ad esempio è venerdì e per aver ascoltato un paio di volte, la scorsa settimana, la nuova “Hit” di Ligabue, ora non posso far a meno dal canticchiare e completare la frase “…non mi rompete i coglioni…Che è venerdì!”. Che per carità come concetto ci sta tutto, ma ora per quanto tempo penserò a questo ritornello? Ogni venerdì della mia vita? Un pò come “Sabato” di Jovanotti o “Novembre” di Giusy Ferreri (che almeno quello sai che dura 31 giorni e vai…). Per onor di cornaca il testo di Sabato almeno ha un significato profondo.

Quanti, appena arriva il primo profumo intenso di fiori, hanno subito in mente “Respiriamo l’ariaaa è la Primaveraaaa…” di Marina Rei?

Mi viene da sorridere da quando ho visto Inside Out al cinema, dove i personaggi nel cervello non potevano nulla contro certi momenti letteralmente “incrostati” nella mente. Quando ad esempio parte la canzoncina della pubblicità che fin da bambini abbiamo in testa… A me ne sono restate impresse parecchie. Un pò come per il contatore delle visualizzazioni, se penso alla classifica delle più “ri-ascoltate” nella mente ci metto quella della Barilla (parte pure la lacrimuccia al pensiero del gattino tutto bagnato sul porticato… ero proprio piccola quando la trasmettevano) e quella della Coppa del Nonno. Che poi mi piaceva così tanto mangiarla, ma mia madre la comprava raramente… e spariva subito!

Oggi ho a che fare con un lavoro impegnativo, talmente tanto impegnativo, che giustamente il mio cervello ha deciso di ripropormi di continuo lo stesso identico motivetto. “Che è venerdì…parapparappappaaaa… Che è venerdì, non mi rompete i coglioni… Che è venerdì…parapparappappaaaa…”

CHE SAPESSI ALTRE PAROLE ANDREI ANCHE AVANTI… FORSE…

Ieri almeno la mia mente mandava in loop: “…La folla grida un mantra, l’evoluzione inciampa, la scimmia nuda balla…” e dinuovo, lo stesso pezzetto, fino all’esplosione…

TITOLO DEL BOX
Français | English | Español | Deutsch
Annunci

3 risposte a "…Che è Venerdì…"

  1. Si in effetti, ” Che e’ venerdi… non rompete i coglioni…” ci sta tutto! 😉 Perlomeno ti e’ rimasta in testa una frase, in tema…!… invece com’e’ fastidioso, quando non riesci a liberarti da un ritornello di una pubblicita’ stupida!?!… Odio!…

    …. Per la cronaca, oggi anzi ormai ieri, mi son trovata a canticchiare e canticchiare ” Aspetta-che-ti-mostro-il-c++++-che-me-ne-frega”…Bhe’, direi in tema anche questa pero’….!… 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...